DOLCI TIPICI NATALIZI

Occasione questa per fare gli auguri di Natale a tutti  e presentarvi la ricetta dei dolci tipici del mio paesino.

Natale!!, quanti ricordi!, quando ero piccola, basta già la neve a creare l’atmosfera natalizia, l’albero, fatto con caramelle e cioccolatini,gli addobbi costavano troppo,si andava per i boschi con papà a cercare il muschio per il presepe, ed era tutto un rito,certo, ora tutto questo non c’è più,   ci resta poco di quell’atmosfera, a volte però, basta poco per ravvivare questi ricordi un p’o sbiaditi, un dolce, un profumo ed ecco che quella magia piano piano rinasce.

Questi dolci tipici pugliesi hanno diversi nomi a secondo della provincia, molti le conoscono come le rose di Andria, le scartellate, da noi invece si chiamano le nevle, forse perché sono molto leggere e friabili, con lo stesso impasto si fa un’alto dolce tipico, sono dei panzerotti, con un ripieno dolce a base di crema di ceci.

Ricetta:

1 kg di farina, 4 uova, un pizzico di sale, 1 bustina e mezza di lievito, 1 bicchiere e mezzo di olio , 2 etti di zucchero e vino q.b. per l’impasto che deve risultare morbido come il lobo dell’orecchio (testuali parole di mia madre)

Per l’impasto del ripieno dei calzoni, occorrono 1/2 kg di ceci lessati ridotti a purea, 1 bicchierino di cognac o  licuore strega, i cucchiaino di cannella o 1 stecca sbriciolata, zucchero e cacao amaro q.b.

per le rose d’andria:

una  volta fatto l’impasto e tirato la sfoglia tagliarla a strisce con la rotella  e fare delle piccole barchette , arrotolare poi le strisce su se stesse con un leggera pressione delle dita fino ad ottenere dei fiori.

Per i panzerotti o calzoni, dopo aver tirato la sfoglia ricavare sempre con la rotella dei dischi di media grandezza, adagiare al centro un cucchiaio di ripieno di pasta di ceci e chiuderli rimboccando i lembi con delle leggere piegoline.

Naturalmente dopo questo estenuante lavoro, questi dolci vanno fritti in abbondante olio, lasciarli riposare per circa un’ora e poi si possono condire a piacere, quindi disporli in una fiamminga e condire a piacere con granella di mandorle tostate e miele, scagliette di cioccolato e miele o ancora con granella  di zucchero colorato e miele, in alternativa al miele il vincotto.Foto0166

.Il lavoro per questi dolci è veramente notevole, il risultato però è gratificante, sono veramente buoni e mi ricordano la mia infanzia.

Dopo questa lunga passeggiata, Vi lascio augurandoVi  un Felice e sereno Natale.natale

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Desserts e Altro, Dolci di Frutta e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

13 risposte a DOLCI TIPICI NATALIZI

  1. zebachetti ha detto:

    Un’altra prelibatezza un altra scoperta sicuramente buonissimi In leggero anticipo ti porgo a te e i tuoi cari i miei più sentiti auguri per un SerenoNatale grazie per l? affetto dimostratomi che ricambio di cuore Ciao Angela Buonanotte

  2. liù ha detto:

    Che prelibatezze che hai preparato! Io no preparo dolci da quando mio marito si è scoperto il Diabete , mio figlio che non mangia dolci,il compagno di mia figlia è diabetico pure lui ,per chi devo preparare i dolci? mica li possiamo mangiare tutti io e mia figlia ,per cui mi astengo e come dolce mangiamo solo il panettone !
    Ti faccio i miei più cari e sinceri Auguri di Buon Natale Angela cara ,che tu lo possa passare con gioia e serenità insieme ai tuoi cari♥
    liù

    • Ciao cara Liù, hai perfettamente ragione, tanta fatica si fa volentieri, quando si possono gustare senza problemi, ti capisco e non sai quanto!!,mia mamma è diabetica ed anche il mio nipotino di 8 anni ma la mia famiglia è abbastanza grande e quindi poco, ma la tradizione si porta avanti, un abbraccio cara ed un buon pomeriggio, Angela

  3. Pingback: DOLCI TIPICI NATALIZI « Annitapoz's Weblog

  4. skayrose59 ha detto:

    Buon Natale a te e ai tuoi cari!

  5. karina890 ha detto:

    Anche se in ritardo Buon Natale e Buone Feste! 😀

  6. fiammisday ha detto:

    Sembrano buonissimi!!! Buone feste

  7. Mitch I. Greer ha detto:

    Quale che sia la realtà sulla loro origine è certo che la loro bellezza dal punto di vista artistico, unita alla bontà che nasce dalla felice unione di ingredienti sani e genuini, li rende tra i dolci natalizi più decorativi della tavola delle feste.Oltre che belli, infatti, in realtà questi biscotti sono soprattutto buoni da mangiare, molto apprezzati per il gusto e la morbidezza, dato da un impasto di farina, miele, mandorle, cannella, chiodi di garofano e buccia di limone.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...