Mostocotto o vin cotto

Settembre, tempo di vendemmia, ed ecco un prodotto particolare  tipico della mia regione,Il mostocotto o vin cotto  è un misto di uve dal colore scuro e di sapore dolce, tipico  della mia terra la Puglia, prodotto con uve autoctone dal negroamaro, al primitivo ed altri tipi di vitigni compresa la malvasia e la baresana, quindi un misto fra uve nere e bianche.

Prodotto sin dagli antichi Romani e per facilitarne il trasporto e per arricchire ed insaporire pietanze quali carni, formaggi o semplicemente come edulcorante per i dolci prima che venisse introdotto lo zucchero di canna, ed ancora diluito in acqua come bibita rinfrescante e energizzante.

Uso in cucina

Tradizionalmente in Puglia è utilizzato per la preparazione di molteplici prodotti della tradizione, tra i quali spiccano le tipiche “pittule“, i taralli neri, i “mustazzoli” e le “Carteddate” le famose cartellate pugliesi, rose fatte con un impasto particolare lavorato con olio e lievito e che vengono poi fritte e ricoperte con il Vincotto o “Cuettu“. Con il vincotto inoltre, si preparavano già in età grecoromana e medievale ottime granite utilizzando la neve compressa nelle “neviere”, grotte appositamente scavate nel sottosuolo per stipare questa rara precipitazione atmosferica dal momento che a quel tempo, nell’area della mite Terra d’Otranto, non esisteva altro modo per procurarsi il ghiaccio, anche all’ingresso del mio piccolo paese ( nel punto più alto) vi è ancora una costruzione rotondeggiante che nei tempi passati fungeva appunto da magazzino per la neve.

Dolci tipici del mio paese  che vengono preparati a Natale, nella foto sono conditi con granella di mandorle e miele, la variante al mostocotto.

Prodotti simili

In SardegnaRomagna e nelle Marche, con lo stesso procedimento del vincotto, si produce la saba (o sapa), sciroppo dolce molto usato nella cucina tradizionale come edulcorante.

Il vincotto non si deve confondere con il quasi omonimo vino cotto, prodotto enologico tipico di Marche ed Abruzzo. In veneto con il nome “vincotto” ci si riferisce ad una confettura fatta cucinando per mezza giornata a fuoco lento il mosto d’uva “clinton” con l’aggiunta di mele, patate americane e zucca a pezzettini. Il “Vincotto” quindi non è un “vino cotto” non è “vin cotto” o “vicotto” ed è prodotto solo in Puglia con uve del territorio Pugliese.

Il mostocotto si ottiene da una lenta cottura del mosto per parecchie ore fino a ridurre la sua iniziale quantità a circa un 5° di prodotto, appena dopo la spremitura viene sottoposto a questa lenta cottura  nel corso del quale gli zuccheri contenuti nel mosto si concentrano fino a caramellarsi, assumendo cosi quella colorazione scura ed una densità quasi da sciroppo.

Ed ecco come si presenta il prodotto finito, pronto per essere utilizzato come più ci aggrada.

Vi lascio con questa immagine del mio paese ed una  meravigliosa canzone di Jose Feliciano (che sarà)v  e  tanta nostalgia nel cuore .castelnuovo

Correva l’anno 1971

 

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in cucina, Desserts e Altro, Liquori e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

18 risposte a Mostocotto o vin cotto

  1. Aspetta, aspetta…. non ho capito… quelle nella foto sono le cartellate? Mmmmm, le abbiamo scoperte a Vieste e chi se le scorda più! A me personalmente sono piaciute tantissimo, la pasta in primis. Quelle fatte da te sembrano ancora più squisite delle cartellate che ho assagiato! 😉

    • Tesoro dolce, questi sono dolci che normalmente si fanno per le feste natalizie, in effetti sono davvero buoni e poi sai sono tornata da poco dal mio paesello e la memoria dei ricordi fa brutti scherzi, si! è vero ormai la mia famiglia, le mie amicizie sono qui, ma!…. le mie origini …..ogni volta che lascio il paesello mi viene un gran magone, la canzone di Feliciano poi…..mi fa venire certi lucciconi ………..parliamo d’altro va…, sai che Marta ha superato già un esame e il 14 ottobre farà una capatina di una settimana?spero vi passiate incontrare, un grande , grande abbraccione Valeria ti voglio un gran bene.
      Angela

  2. liù ha detto:

    In Sicilia il vin cotto lo facciamo con il succo di fichidindia!
    Poi se si fa cuocere con farina ,cacao,scorza secca di arance e mandarini e cannella diventa la famosa mostarda siciliana ,che volendo si può preparare anche con il mosto cotto ,seguendo lo
    stesso procedimento.
    Un abbraccio e un bacio angioletta♥
    liù
    https://encrypted-tbn3.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcRcyKqA7MfBk71XQB59Wy8wAKX8okqfjbkPRUpw6FS3xaDIRzz-

  3. Insolit@ ha detto:

    Ma che bel post interessante! Ho diversi amici pugliesi, ma tutti maschietti e non me le raccontano queste cose. Mica se ne intendono di cucina. Dalle mie parti il vin cotto è vino fatto scaldare con lo zucchero e alcune spezie e viene usato come “terapia” del raffreddore o per scaldarsi nelle giornate molto fredde. Conoscevo le “carteddate” di fama. Gli altri dolci che hai menzionato no…e neppure il mostocotto pugliese e il suo utilizzo! Grazie per le notiziuole 🙂
    Che bello il tuo paesino, sembra un presepe!!! Nel 1971…avevo due anni! Io dico che i tuoi dolcetti anche a quell’età mi sarebbero piaciuti! 😀
    Buona serata!

    • Ciao carissima, sei sempre troppo gentile, si sa i maschietti amano mangiare e basta,non ho la presunzione di sapere di cucina, racconto solo a volte la mia terra, i suoi sapori i suoi profumi e a volte mi diverto a fare il piccolo alchimista in cucina rivisitando o reinventando ricette, sopratutto semplici e veloci adatte alla vita frenetica di oggi.
      una felice serata a presto.
      Angela

  4. melodiestonate ha detto:

    bellissime buonossime le mie carteddate pugliesi……..brava cara Angela……ma tu di dove sei?

    • Ciao Sara,precisamente Castelnuovo della Daunia fra Foggia e San Severo, un piccolo paesino (graziosissimo) dell’Appenino Dauno circa 600mt. alta collina conifere ed aria buona, da qualche anno hanno aperto un centro termale di vera eccellenza,ho fatto anche qualche post tempo fa, attualmente invece vivo a Cerveteri a 30 km da Roma sul mare, posticino niente male, un bacio cara ed una buona giornata.
      Angela

  5. giselzitrone ha detto:

    Hallo wünsche einen guten Tag so schöne Sachen liebe Angela,sieht lecker aus.Wünsche dir eine gute neue Woche Gruß und Freundschaft.Gislinde

  6. giselzitrone ha detto:

    Wünsche dir ein glückliches schönes wee-kend lieber gruß und Freundschaft.Gislinde

  7. L’ha ribloggato su iltempodelleriflessionie ha commentato:

    Cari amici, volevo riproporre questo post di due anni fa in onore dell’autunno e delle nostra meravigliosa terra la Puglia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...