Marmellate sfiziose # particolari #

Bene care amiche oggi parliamo di marmellate, ma non le solite confetture, bensì marmellate da abbinare con carni, formaggi ed altro.

L’altro giorno un’amica mi ha regalato delle bellissime cipolle di tropea e pensa che ti ripensa mi è venuto in mente di trasformarle in una buonissima marmellata,ed ecco qui la ricettina.

Dosi: 1 kg. di cipolle pulite, 400/500 gr di zucchero, 4/5 foglie di alloro, 1 cucchiaino di sale, 200 ml. di aceto (come sempre io uso quello di mele lo trovo più delicato) e qualche chiodo di garofano, un bicchierino da caffè di marsala.(un’altro piccolo tocco personale)

Mettere in una ciotola le cipolle pulite ed affettate in maniera sottile, aggiungere tutti gli ingredienti e mettere a macerare per 4/6 ore con un coperchio, di tanto in tanto rigirare le cipolle, passato questo tempo versate il contenuto della ciotola in un tegame asportando sia l’alloro che i chiodi di garofano e quando comincia a bollire abbassate la fiamma e cuocere a fuoco moderato per circa 30/40 minuti passare il composto nel mixer e rimettere in pentola fino a raggiungere una buona densità, togliere dal fuoco ed invasare avendo l’accortezza di mettere i barattoli a testa in giù per creare il sottovuoto, dopo circa 15 mm. riposizionare i barattoli nel verso giusto e coprirli fino a farli freddare completamente, (in questo caso ho usato dei barattolini piccoli visto che non’è una marmellata che useremo la mattina sulle fette biscottate) la nostra marmellata sarà pronta da gustare su formaggi , arrosti, grigliate, pesce ,ecc.

La seconda marmellata è venuta fuori dalla raccolta di pomodori del giardino, visto che non sarebbero più maturati ho tolto le piante e recuperato i frutti ( della serie non si butta nulla).

Ed ecco qui le dosi per quest’altra stupenda marmellata.

Ikg. di pomodori verdi (si possono aggiungere anche alcuni un po  rosati), 500 gr. di zucchero, il succo di un limone e qualche scorzetta.

lavare ed asciugare bene i pomodori tagliarli a cubettini eliminando un po di semi aggiungere lo zucchero, qualche scorzetta di limone ed il succo dello stesso amalgamare bene il tutto e lasciare macerare per 3/4 ore, dopo questo periodo mettere il tutto in un tegame e portare ad ebollizione, quindi abbassare la fiamma e cuocere per circa 20/30 minuti, passare il composto nel mixer e ridurlo ad una crema, rimettere sul fuoco a fiamma moderata fino a raggiungere la consistenza giusta, invasare ancora bollente e mettere i vasetti a testa in giù per circa 15 minuti, riposizionare i barattoli a testa in su e coprirli ed aspettare che siano completamenti freddi per riporli in dispensa, anche in questo caso ho usato barattolini piccoli.

In questo periodo ho davvero poco tempo e  visto che si va sempre di corsa aver trovato il tempo per fare queste due marmellate è una vera soddisfazione.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in cucina, Desserts e Altro, Marmellate e Conserve e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

20 risposte a Marmellate sfiziose # particolari #

  1. liù ha detto:

    Hai una fantasia tremenda! 😉
    Tutto mi sarebbe venuto in mente ,ma mai di preparare una marmellata di cipolle o di pomodori verdi.
    Brava Angioletta ! 😀
    Un abbraccio 🙂
    liù

  2. fausta68 ha detto:

    Buone tutt’e due!!!! Mi piacciono tantissimo le marmellate sul formaggio e queste mi ispirano molto….penso che le farò – spero di trovare i pomodori verdi…

  3. sweetmilla123 ha detto:

    Cavolo!!! Io i pomodori verdi li ho lasciati lì a marcire perché non sapevo cosa farne! E per le cipolle…anche questa è una bella idea! Complimenti per l’inventiva. Ciao. Laura

  4. I know this web site gives quality dependent posts and additional material, is there
    any other web page which provides these kinds of stuff in quality?

  5. Sung Luna ha detto:

    Sbucciate bene tutte le arance tagliandole a fettine, eliminando i semi (mi raccomando..TUTTI gli eventuali semi!) e raccongliendo il succo in un contenitore. In una pentola mettere 400ml di acqua, aggiungete lo zucchero e fatelo sciogliere. Fate sobbollire per 3 minuti circa. Adesso aggiungete le scorze precedentemente bollite, le fettine di arancia e il succo recuperato delle arance e quello del limone…. adesso mescolate…mescolate…mescolateeeeeee ininterrottamente per circa 30 minuti. Mi raccomando di tenere la marmellata sempre a fuoco ALTO, non deve mai perdere la bollitura, una fiamma più bassa richiederà sicuramente più tempo per il rassodamento. Vi renderete conto che la marmellata è pronta quando raggiungerà una consistenza leggermente più liquida della solita marmellata che compriamo al supermercato. Tenete conto che la marmellata si ritirerà ancora dopo la cottura.

  6. Get Smart ha detto:

    Per cuocere la melanzana e la patata ho usato la vaporiera, nel caso in cui non l’abbiate potete lessare la patata, magari nel brodo che dovete preparare, e mettere la melanzana al forno, in una teglia, coperta da carta argentata, lasciandola cuocere per una mezz’ora circa a 160°. Una volta tolta dal forno, la fate raffreddare un po’ ed iniziate a spellarla.

  7. Lincoln N. Hodges ha detto:

    tagliare sottili le cipolle e nei limiti del possibile uguali, metterle in una capace pentola di acciaio, unire lo zucchero,il sale e mescolare molto bene per amalgamare tutto. Coprire la pentola e lasciar riposare per 3 o 4 ore. Si formerà un liquido di vegetazione. A questo punto mettere tutto sul fuoco e lasciar cuocere a fuoco basso, mescolando. Ci vorranno circa 20/25 minuti. Consiglio di lasciarla un po’ più liquida, poi col raffreddamento la consistenza sarà perfetta. Invasare a caldo, chiudere i vasetti e sterilizzare per 20 minuti. Io preferisco la versione con l’aceto, intanto rimane bella fluida e non corre il rischio di cristallizzarsi, e poi la puoi utilizzare anche per le carni lesse o i bolliti. L’agro non si sente. Le dosi sono le stesse. In una pentola d’acciaio far macerare le cipolle tagliate sottili e possibilmente uguali con il sale e un bicchiere abbondante di aceto rosso. Dopo 3 ore unire lo zucchero, mescolare bene e lasciar riposare altre 2 ore. Anche qui si formerà un liquido di vegetazione. Mettere il tutto sul fuoco e cuocere per circa 20 minuti. Invasare a caldo e sterilizzare per 20 minuti.

  8. Gavin Reeves ha detto:

    tagliare sottili le cipolle e nei limiti del possibile uguali, metterle in una capace pentola di acciaio, unire lo zucchero,il sale e mescolare molto bene per amalgamare tutto. Coprire la pentola e lasciar riposare per 3 o 4 ore. Si formerà un liquido di vegetazione. A questo punto mettere tutto sul fuoco e lasciar cuocere a fuoco basso, mescolando. Ci vorranno circa 20/25 minuti. Consiglio di lasciarla un po’ più liquida, poi col raffreddamento la consistenza sarà perfetta. Invasare a caldo, chiudere i vasetti e sterilizzare per 20 minuti. Io preferisco la versione con l’aceto, intanto rimane bella fluida e non corre il rischio di cristallizzarsi, e poi la puoi utilizzare anche per le carni lesse o i bolliti. L’agro non si sente. Le dosi sono le stesse. In una pentola d’acciaio far macerare le cipolle tagliate sottili e possibilmente uguali con il sale e un bicchiere abbondante di aceto rosso. Dopo 3 ore unire lo zucchero, mescolare bene e lasciar riposare altre 2 ore. Anche qui si formerà un liquido di vegetazione. Mettere il tutto sul fuoco e cuocere per circa 20 minuti. Invasare a caldo e sterilizzare per 20 minuti.

  9. Kasey Slater ha detto:

    : pesare le more passate, rimetterle nella pentola ed aggiungere metà dose di zucchero rispetto al peso delle more. Le mie more passate pesavano 400 grammi, quindi ho aggiunto 200 gr di zucchero. (Piccola parentesi: a me le marmellate non piacciono molto dolci, tanto che qualunque frutta io usi tendo a mettere circa la metà di zucchero rispetto al peso della frutta, niente vieta ovviamente che se ne usi di più, le ricette tradizionali parlano di uguale quantità di frutta e zucchero…. a me sembra davvero troppo, e sì che sono golosissima). Rimettere il tutto sul fornello a fuoco basso e far bollire piano, girando spesso, finché il tutto non si addensa. Per capire se la marmellata è pronta, prelevarne un cucchiaino, adagiarla su un piattino, far raffreddare bene e saggiarne la consistenza. Non posso dare tempi di cottura precisi perché dipendono ovviamente dalla quantità di frutta, nel mio caso è bastato un quarto d’ora o poco più. A questo punto travasare ancora bollente nei vasetti, coprire con carta forno, chiudere ermeticamente, far raffreddare col vasetto a testa in giù.

  10. Johng86 ha detto:

    I am impressed with this website, rattling I am a big fan. cbekeddgbede

  11. Johnc732 ha detto:

    whoah this blog is wonderful i like reading your articles. eddkfekaeeak

  12. Smithc185 ha detto:

    It’s perfect time to make some plans for the long run and it is time to be happy. I have learn this publish and if I may I want to suggest you few attentiongrabbing things or advice. Maybe you could write next articles regarding this article. I desire to read even more things about it! fddcgkbebadckdka

  13. Purtroppo non riesco a visualizzare il tuo blog, comunque un grazie per la tua visita a presto
    Angela

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...